IL DUBBIO

Il Comune di Bergamo ha deciso di RINUNCIARE AD 1 MILIONE DEI DIVIDENDI DI ATB, incassandone uno soltanto anziché due.Premesso che – a nostro modesto avviso – se Atb svolgesse davvero bene il suo compito di offrire un servizio PUBBLICO veramente adeguato per rapporto qualità-prezzo, i suoi dividendi sarebbero e dovrebbero essere prossimi allo zero, si pone una domanda:il comune ha rinunciato a questi soldi per cosa?UN ESEMPIO: nel 2011, il Comune di MILANO decise di rinunciare al dividendo straordinario di Atm in modo da assicurarle più fondi per gli investimenti sull’introduzione di Area C (https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/12/21/rinuncia-ai-dividendi-atm-piu-fondi-per.html?fbclid=IwAR2OD0UGZ5TGiLpC0GjcnwLQGZrR1q4HRhrVHmsXvCzE4N4Tttzs-WhaYSg).

Speriamo allora che il non utilizzo, da parte del #ComunediBergamo, di una quota dell’utile dell’azienda sia stato accompagnato da precise indicazioni all’ente su come e dove veicolare queste risorse: intensificazione della frequenza delle corse … allungamento degli orari di servizio … aggiunta di nuove linee … diminuzione delle tariffe … Il tutto nella direzione di una proficua INCENTIVAZIONE ALL’USO DEL MEZZO PUBBLICO da parte dei cittadini.

Non vorremmo mai scoprire, in un futuro prossimo, che le risorse a cui la città ha rinunciato saranno state usate per coprire gli extracosti per la costruzione di un parcheggio all’interno dei confini delle mura cinquecentesche.

In evidente CONFLITTO con un’idea di MOBILITÀ SOSTENIBILE: un’azienda di trasporto pubblico socia al 32% in una società finalizzata alla costruzione di una struttura che di fatto aumenterà le possibilità di recarsi in Città Alta coi mezzi privati è una cosa che proprio non si può vedere.

Ma così è.

#ATBbenecomune

https://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/19_novembre_15/opere-record-40-milionie-accertamenti-imu3-milioni-piu-comune-f6c9740e-0797-11ea-8951-efe1bce1b1d2.shtml?fbclid=IwAR3tpJyLSsan1xRZ0wqgx-RZdTe-_wUbseauOMJ7NrdBRSPKRIOVLLd4BsM

BergamoBeneComune

 

Lascia un commento