Bergamo Bene Comune

aria nuova a bergamo

CHI SIAMO

Siamo cittadine e cittadini bergamaschi che condividono esperienze, battaglie e rivendicazioni rispetto a diversi aspetti della vita della nostra città.

Le nostre idee

Ciascuno e ciascuna di noi ha provato a costruire una narrazione diversa da quella univoca che viene ripetuta allo sfinimento sui temi del vivere cittadino.

house

Abitare

Qualcuno di noi ha raccontato che avere una casa dovrebbe essere un diritto per tutte le persone.

picture-2

ambiente

Altri, che il diritto alla salute e alla tutela ambientale non possono essere subordinati alle logiche del profitto – nella forma di un parcheggio o un aeroporto a seconda dei casi. 

locked

privatizzazioni

Altri ancora cercano di smontare la tesi furbetta secondo la quale l’intervento privato garantirebbe migliori servizi ai cittadini, tesi in nome della quale le peggiori speculazioni edilizie diventano “regali alla città”.

share-1

bene comune

Tante persone tra di noi combattono la tendenza che fa sì che tanti beni comuni diventino profitto per pochi.

forbidden

decoro

Tante persone si sentono oppresse dalla supposta priorità del “decoro” che, oltre ad accanirsi verso le fasce più deboli della società, rende Bergamo meno accogliente per tutti.

hold

partecipazione

La reale partecipazione della cittadinanza ai processi decisionali che la riguardano è uno dei primi punti della nostra agenda di lavoro.

Abbiamo deciso di trovarci e lavorare insieme per un’idea di città diversa. Bergamo Bene Comune è lo slogan che abbiamo scelto per accomunarci. Il Bene comune può essere sia materiale che immateriale e comprende casa, lavoro, sanità, istruzione fino ad arrivare all’arte, alla bellezza, all’ambiente. Bene Comune è anche un serbatoio di diritti da distribuire equamente.
Riteniamo che ogni azione di un privato, singolo o entità economica, che influenzi la qualità della vita dei cittadini o che necessiti di finanziamenti pubblici, debba avere l’approvazione di cittadini e cittadine, e che questa debba venire concessa su progetti chiari ed espliciti, vincolanti per la controparte.

Perciò la reale partecipazione della cittadinanza ai processi decisionali che la riguardano è uno dei primi punti della nostra agenda di lavoro.
Partecipazione per noi non significa essere consultati quando fa comodo o semplicemente al momento del voto, bensì potersi esprimere in modo informato: le cittadine e i cittadini devono avere la parola ed essere ascoltati su tutti i progetti di opere che modificano la città e il tessuto sociale dei quartieri, prima ancora che siano consolidati, e in tutte le fasi e su tutti gli aspetti che riguardano la comunità e il Bene Comune.

Tra i punti su cui ci riconosciamo e su cui vogliamo che la cittadinanza si possa esprimere ci sono:

  • la priorità alla ristrutturazione e assegnazione di case comunali, anziché alla vendita ai privati senza chiara destinazione del ricavato;
  • la priorità al trasporto pubblico, alla mobilità sostenibile e al miglioramento della qualità dell’aria anziché l’aumento di traffico e parcheggi;
  • la priorità all’utilizzo degli spazi pubblici da parte delle persone e delle associazioni che praticano socialità inclusiva, senza ritorno economico o speculazione;
  • quartieri e spazi pubblici più vissuti sono per noi l’antidoto all’insicurezza; priorità quindi a politiche che avvicinano le persone, portando conoscenza reale dove ci sono solo paure fondate sul nulla.
Ci troviamo tutti i martedì h. 21.00 presso il circolo Barrio Campagnola (Via Ferruccio Dall’Orto, 20 Bergamo) e ci confrontiamo, esprimiamo idee e portiamo avanti temi e campagne, aperti ad ogni contributo e partecipazione. Per contatti: bergamobenecomune@gmail.com

Cosa Facciamo

Qualche immagine delle nostre ultime iniziative

Newsletter

PARTECIPA!

Bergamo Bene Comune si ritrova tutti i martedì alle ore 21 presso il circolo ARCI Barrio, via Via Ferruccio Dall’Orto, 20 Bergamo.
Accesso libero a chiunque voglia contribuire.

Ultimo Post FaceBook

4 hours ago

BergamoBeneComune

CondividiamoNon ci eravamo illusi che queste ultime elezioni avessero cambiato qualcosa per la lotta #noparkingfara. Continua invece a sorprenderci che la sensibilità nei confronti dello scempio di città alta, un minimo istinto di autotutela o un richiamo morale – o anche solo la naturale spinta a capire che è delle persone intelligenti – non spingano nessuno, proprio NESSUNO, nei due ordinati schieramenti (verrebbe da dire greggi) della maggioranza e dell’opposizione in Consiglio Comunale a presentare un ordine del giorno sulla lettera dell’ANAC all’Amministrazione.

Nessuno che chieda spiegazioni riguardo ad una pesante comunicazione dell’Autorità Nazionale Anti CORRUZIONE in cui si parla di VIOLAZIONI RISCONTRATE a carico sia del committente #ComunediBergamo sia del concessionario #BergamoParcheggi (compartecipata da ATB al 32%, il cui presidente del CdA è anche il Direttore Generale di ATB Gian Battista Scarfone).

In cui si parla di DANNO immediato e diretto alla comunità. Ma deve trattarsi di una comunità diversa da quella rappresentata dai nostri consiglieri.
E si parla di TRASFERIMENTO SULLA COLLETTIVITÀ del PRETESO MAGGIOR COSTO dell’opera. Ma non dev’essere l’opera che ha tagliato a metà un colle di Bergamo, o che stanno pagando i cittadini di Bergamo.

Unici a parlare per i cittadini, ieri in aula consiliare, i rappresentanti del comitato ‘Colognola per il suo futuro’, a svelare ancora una volta che il re è nudo e il Piano di RISCHIO AEROPORTUALE appena varato è stato studiato su dati vecchi del 2011; quindi non si capisce chi possa tutelare.
Ma evidentemente si tratterà dell’aeroporto di un’altra città, visto che ai nostri consiglieri va bene così.

Che siamo a Bergamo, che in questa città c’è ancora chi non vuole vendere l’anima, la bellezza e la vivibilità al turismo di massa, per il guadagno spropositato di pochi, torneremo a ricordarglielo presto. E non da soli.
See MoreSee Less

View on Facebook

Contattaci

  • bergamobenecomune@gmail.com

TOP